Conclusioni

×

Messaggio di errore

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in i18n_book_navigation_set_breadcrumb() (linea 212 di /home/hkqzuepv/mascarello.evino.it/sites/all/modules/i18n_book_navigation/i18n_book_navigation.module).

Conclusioni

    Da quel nido così amato, sicuro, rifugio indiscusso di due anime elette, l’aquila della morte ghermisce la diletta Compagna afflitta dal cancro.

Il desiderio di sublimare l’amore infinito per la sua Ines, mai divenuta madre, lo porta a disporre che tutti i beni di proprietà della moglie confluiscano nella suddetta Fondazione destinata a continuare l’azione a favore della maternità e della prima infanzia.

Il patrimonio con una dotazione iniziale valutata sette milioni di lire a fine guerra, era salito nel 1952, a tredici milioni anche per successive donazioni devolute dallo stesso Casalini.

La Fondazione avrebbe dovuto adibire la Villa del Chiaramello con cascina a casa di riposo per madri indebolite dalla gravidanza e dall’allattamento e onorare una serie di legati collaterali.

Cavilli burocratici, critiche alla procrastinata trasformazione in Ente Morale della Fondazione, ma, soprattutto, il lento e farraginoso agire della pubblica amministrazione, non consentirono la realizzazione degli scopi dello statuto.

    La Villa, imbrigliata nel suo sogno irrealizzato, subì trenta anni di abbandono e di incuria.

Nascosta dagli alberi secolari del suo parco, più simile ad una discarica di rottami, che ad un luogo di quiete e di salubri passeggiate, venne scorporata dalla Fondazione e ceduta per lecitazione privata.

    Il  recupero e la trasformazione in azienda multiservizi sono la storia del suo presente e l'azienda vitivinicola P.G. Mascarello Cascina Ciaramel confida sia anche il suo futuro.

L'atmosfera raffinata ed esclusiva della Villa ne fanno il luogo ideale per un soggiorno agrituristico di quiete e di relax ed il parco coi saloni adiacenti una location di charme per rendere personali ed intimi gli eventi più importanti della vita.

La collina è rimasta quasi come allora...La famiglia al completo si riunisce per una foto di gruppo (1885)Amedeo Ghesio VolpengoUn battello traghettava persone e merci da una sponda all'altra del fiume Tanaro...Il retro della cascina nel 1885Storica mappa catastale del febbraio 1795 attestante l'acquisto della Cascina Ciaramel